4 Set 2020

Il talento di Milano ha la meglio, ma Brescia cede con l’onore delle armi

Ci sono sconfitte che fanno male e sconfitte che bruciano un po’ di meno. Anche se nessuno può essere contento quando si perde, la Germani Brescia esce dal Mediolanum Forum con molte più certezze di quanto vi era entrata. Nonostante la sconfitta finale (81-67) cancelli le speranze di qualificazione alla Final Four della Supercoppa italiana, la squadra di Esposito ha lottato per larghi tratti del match ad armi pari con la quotatissima Olimpia Milano, che ha meritato un successo che al 40′ ha sembianze molto più ‘umane’ di quelle maturate nelle prime tre gare disputate dai biancorossi.

Il talento dell’A|X Armani Exchange è smisurato, come quello di Malcolm Delaney, mattatore della partita con 25 punti a segno. Ma le risposte in casa Germani sono tutte positive, considerando anche le assenze che nel roster biancoblu continuano a pesare come un macigno.

Concentrata al punto giusto, capace di eseguire in maniera pulita e di difendere con il coltello tra i denti, Brescia (Chery 18 punti, Crawford e Kalinoski 12) al Forum se l’è giocata e se l’è giocata fino in fondo. Meritando gli applausi (virtuali, dato che si è giocato a porte chiuse) dei suoi tifosi, che lunedì prossimo potranno tornare ad applaudire i propri beniamini, dando uno stimolo ulteriore a una squadra che continua a cercare se stessa, iniziando a conoscersi sempre meglio.

A|X ARMANI EXCHANGE MILANO – GERMANI BRESCIA 81-67 (24-12, 44-35, 66-53)
A|X Armani Exchange Milano: Tarczewski 7 (3/3), Rodriguez 8 (2/4 da tre), Datome 11 (4/8, 1/4), Moraschini 2 (1/2, 0/3), Shields 5 (1/5, 1/2), Delaney 25 (4/6, 2/5), Cinciarini ne, Biligha ne, Hines 12 (4/5), Roll 6 (1/2, 1/5), Moretti, Brooks 5 (1/2 da tre). All: Messina
Germani Brescia: Vitali 2 (1/4, 0/3), Parrillo, Chery 18 (1/4, 5/8), Bortolani 4 (1/2, 0/2), Magro 2 (1/1), Crawford 12 (3/5, 2/3), Burns 5 (2/3, 0/1), Kalinoski 12 (3/6, 2/4), Moss, Sacchetti 8 (1/2, 2/4), Ancellotti 4 (2/4). All: Esposito
Arbitri: Sardella, Borgioni e Noce
Note: Tiri da 2: Milano 18/32 (56%), Brescia 15/31 (48%) | Tiri da 3: Milano 8/25 (32%), Brescia 11/28 (39%) | Tiri liberi: Milano 21/24 (88%), Brescia 4/6 (67%) | Rimbalzi: Milano 39 (29 RD, 10 RO), Brescia 34 (25 RD, 9 RO)

VINCE MILANO, APPLAUSI PER BRESCIA 🔘 È proprio l’Olimpia Milano a tagliare per prima il traguardo, vincendo la quarta gara consecutiva nel girone di qualificazione della Supercoppa italiana. La Germani, però, fa un’ottima figura al cospetto della talentuosa squadra biancorossa, guidata da uno straripante Delaney (25 punti). Concentrata per tutti i 40′ e sfacciata al punto giusto, la squadra di Esposito non perde mai di vista gli avversari, cedendo con uno scarto più che dignitoso.

OLIMPIA VICINA AL TRAGUARDO 🔘 Ogni singolo errore compiuto in campo dalla Germani viene pagato a caro prezzo. Accade così quando si gioca contro i migliori: per riuscire a essere efficaci, bisogna sfiorare il limite della perfezione. Un po’ di stanchezza nelle gambe e qualche distrazione di troppo permettono a Milano di mettere nel mirino il traguardo, che sul +20 (75-55) per i biancorossi è più vicino che mai.

BRESCIA NON MOLLA LA PRESA 🔘 Milano non alza il piede dall’acceleratore ma la Germani non molla la presa. Il vantaggio dei biancorossi si aggira sempre attorno alla doppia cifra, ma il quintetto di Esposito continua a ribattere colpo su colpo. 12 punti a testa per Kalinoski e Chery

EFFETTO DELANEY 🔘 Sono 19 i punti messi a segno dal giocatore statunitense dell’A|X Armani Exchange (con 10 liberi tentati e 9 realizzati), sicuramente il più prolifico dei suoi. Brescia fatica a reagire sulle scorribande del play avversario, che però è costretto a prendersi una pausa a causa dei quattro falli commessi. Al primo time out della ripresa chiamato da coach Esposito il vantaggio dell’Olimpia (54-37) resta ampiamente in doppia cifra.

PARTITA DA GIOCARE 🔘 Germani Brescia pienamente in partita sul parquet del Mediolanum Forum: i giocatori biancoblu resistono alle spallate inferte al match dai padroni di casa e chiudono i primi 20′ tenendo i talentuosi avversari nel proprio mirino. La tripla allo scadere di Rodriguez regala il vantaggio di 9 lunghezze ai biancorossi (Delaney 13 punti), ma la Germani (Kalinoski 12 punti a referto, Chery e Sacchetti 6) ribatte colpo su colpo.

COLPO SU COLPO 🔘 I colpi inflitti dall’Olimpia Milano farebbero barcollare chiunque: non la Germani, però, che non intende assolutamente andare al tappeto. Anzi, con il passare dei minuti i giocatori bresciani sembrano prendere sempre più confidenza con la partita, riuscendo a prendere le misure ai propri avversari. Con 3′ da giocare per arrivare alla fine del primo tempo, è solo lo smisurato talento dei padroni di casa a determinare i 7 punti di vantaggio (37-30) conquistati dall’Olimpia.

CRESCE L’ONDA BIANCOROSSA 🔘 La Germani Brescia ci prova con tutti i propri mezzi, ma è difficile tenere testa a un’Olimpia Milano così ispirata. Qualche errore di troppo da parte dei bresciani e qualche giocata sopra le righe dei padroni di casa indirizzano il primo quarto saldamente nelle mani dei biancorossi, capaci di conquistare ben 13 tiri dalla lunetta a fronte dei 2 fischiati a favore degli ospiti.

MILANO PARTE FORTE 🔘 Piede sull’acceleratore per l’Olimpia Milano sin dalla palla a due, come prevedibile. Ma la Germani non si disunisce in avvio di gara e, pur dovendo incassare le prime triple dei biancorossi, come al solito ispiratissimi nel tiro dalla lunga distanza. Anche prendere rimbalzi sotto entrambi i canestri è un’impresa difficile per gli atleti biancoblu: lo strapotere fisico degli uomini in rosso, infatti, è notevole e su ogni pallone vagante servirà il massimo della concentrazione.

Vincenzo Esposito conferma lo Starting Five schierato in occasione delle prime due gare della Eurosport Supercoppa 2020. Questi, dunque, i primi cinque giocatori biancoblu che scenderanno in campo: Kenny Chery, Tyler Kalinoski, Andrew Crawford, Brian Sacchetti e Andrea Ancellotti. Malcolm Delaney, Micheal Roll, Shavon Shields, Jeff Brooks e Kyle Haines sono i giocatori scelti da coach Ettore Messina per iniziare la partita.

Impegno severo per la Germani Brescia, di scena sul parquet del Mediolanum Forum di Assago al cospetto dell’imbattuta Olimpia Milano. La squadra di Ettore Messina, che nella Supercoppa italiana ha già disputato tre incontri, non ha lasciato scampo agli avversari di giornata, seppellendoli letteralmente di canestri.

Qual è l’obiettivo che la Germani ha il dovere di prefissarsi per la gara del Forum? Certamente quello di mostrare un ulteriore step nella crescita a livello fisico e tecnico nell’ambito di una preparazione sicuramente anomala, diversa dal solito. Brescia farà bene a non guardare il risultato nel corso della gara: meglio concentrarsi sull’esecuzione dei propri giochi e sulla ricerca di quella chimica che i giocatori del roster biancoblu, praticamente nuovo di zecca, dovranno cercare minuto dopo minuto.

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive