14 Ott 2020

Brescia non chiude la rimonta, alla Germani non riesce il blitz in Montenegro

Non riesce alla Germani il blitz sul campo del Mornar Bar, che conferma tutto il proprio valore e, dopo aver preso lo scalpo di Malaga, mette nel sacco altri due punti in classifica, conquistando la seconda vittoria stagionale nel girone di EuroCup. Brescia paga a carissimo prezzo un inizio da incubo, nel quale soffre a dismisura la partenza a razzo dei montenegrini, senza riuscire a interrompere i loro attacchi all’arma bianca.

Dopo il 30-10 del primo periodo, però, la Germani reagisce e, pur consapevole di dover scalare una montagna altissima, prova a imbastire una rimonta che a metà del terzo periodo, con il Mornar Bar di nuovo nel mirino, era diventata improvvisamente possibile. 

L’alta percentuale al tiro dalla distanza della squadra montenegrina, però, fa la differenza a partire dalla fine del terzo quarto, nel quale i padroni di casa piazzano l’allungo vincente, arrivando a toccare il +19 finale. 

Traendo insegnamento da quanto accaduto nel primo periodo, Brescia ha il dovere di trovare del buono anche da questa partita, tappa che sarà comunque utile alla crescita della squadra, che domenica prossima ospiterà Trieste in occasione della quarta giornata di campionato. Da verificare, invece, le condizioni di TJ Cline, costretto a saltare tutto il secondo tempo per un problema muscolare di cui solo nelle prossime ore si potrà capire l’entità.

MORNAR BAR-GERMANI BRESCIA 95-76 (30-10, 52-35, 74-56)
Mornar Bar: Pullen 3 (0/2, 1/4), Gabriel 11 (1/1, 3/4), Needham 11 (1/2, 3/5), Jeremic 14 (1/2, 2/4), Sehovic 9 (3/3, 1/3), Smith 9 (4/7), Whitehead 9 (3/6, 0/1), Lazic 2 (1/1, 0/1), Pavic 2 (1/1), Vranjes 11 (0/1, 2/3), Bjelica 6 (3/4), Lukovic 8 (4/7). All: Pavicevic
Germani Brescia: Cline 3 (1/2), Vitali 2 (0/1 da tre), Parrillo, Chery 11 (1/7, 1/5), Bortolani 11 (3/4, 1/3), Ristic 4 (2/9, 0/1), Crawford 11 (4/9, 0/1), Burns 13 (5/8, 1/2), Moss 6 (0/1, 1/1), Sacchetti 13 (1/1, 3/4), Ancellotti 2 (1/3). All: Esposito
Arbitri: Mogulkoc, Juras e Lavrukhin
Note: Tiri da 2: Mornar Bar 22/37 (59%), Brescia 18/44 (40%); Tiri da tre: Mornar Bar 12/25 (48%), Brescia 7/18 (38%), Tiri liberi: Mornar Bar 15/21 (71%), Brescia 19/26 (73%); Rimbalzi: Mornar Bar 34 (30 RD, 4 RO), Brescia 37 (27 RD, 10 RO)

IL LIVE BLOG DELLA PARTITA

Niente da fare per la Germani sul campo del Mornar Bar, che parte forte, resiste ai tentativi di rimonta dei biancoblu, che portano comunque cinque giocatori in doppia cifra, e conquista il secondo successo in EuroCup.

L’allungo del Mornar Bar sembra quello decisivo, anche perché la Germani ha speso davvero tanto nel provare a rientrare in partita nel terzo quarto. Esposito prova a ruotare ancora i propri giocatori, cercando di mantenere alto il ritmo difensivo, ma in montenegrini sembrano in grado di poter controllare i ritmi di gara e resistere a un possibile tentativo di rimonta da parte degli ospiti.

La Germani prova a rientrare in partita ma non riesce a tornare pienamente a contatto con gli avversari, che provano a risolvere la contesa con l’alta % da tre. Restano comunque 10′ per provare a provare a imbastire un altro tentativo di rimonta.

Brescia tiene a tiro gli avversari, navigando spesso sotto la doppia cifra di svantaggio. Un paio di triple estemporanee (Jeremic e Needham) ricacciano indietro i sogni di rimonta della Germani di tornare a contatto. La squadra, comunque, continua a lavorare per ricucire il gap e rientrare pienamente in partita.

I primi punti del Mornar Bar nella ripresa arrivano dopo oltre 3′. Questo perché Brescia ha decisamente alzato i colpi della propria difesa, impegnando decisamente la difesa avversaria sotto l’altro canestro. Il Mornar Bar fatica a fermare in modo pulito gli attacchi dei biancoblu e con 6’41” da giocare ha già speso il bonus di falli a propria disposizione. Brescia dovrà cercare di approfittarne, continuando ad attaccare il canestro avversario con la stessa ferocia.

Brescia reagisce, segnando nel secondo quarto più del doppio dei punti messi a referto nei primi 10′. Anche se la montagna resta ancora alta da scalare, la Germani ha il dovere di provarci fino in fondo. Le brutte notizie, però, non si fermano al punteggio dei primi due quarti: Brescia, infatti, rischia di perdere TJ Cline, vittima di un infortunio muscolare. Sarà davvero difficile rivedere in campo qui ad Antivari l’ala statunitense.

In meno di 5′ Brescia ha segnato 15 punti, mente in tutto il primo quarto si era fermata a quota 10 punti. Nessun indice migliore di questo può testimoniare che lentamente in campo la musica sta cambiando. La montagna da scalare è ancora alta, ma la Germani adesso sembra attrezzata per poter affrontare la salita.

Invertire la tendenza è la parola d’ordine in casa Germani, anche se il compito non si prospetta facile. Il Mornar Bar, infatti, non sembra intenzionato a mollare la presa e riesce a concretizzare anche delle giocate davvero difficili che, oltre a tenere gli avversari a distanza, stoppano il tentativo di rimonta della squadra bresciana. Due triple consecutive di Sacchetti riaccendono il fuoco sotto la cenere: sul -15 (37-22), il coach del Mornar Bar è costretto a chiamare il primo time out della sua partita.

Si chiude un quarto difficile per la Germani Brescia: il Mornar Bar dà un’impronta decisa al match, accelerando sin dalla palla a due. Con 20 punti da recuperare, già al termine del primo quarto per Brescia la gara si mette subito in salita.

Il Mornar Bar non accenna a diminuire i ritmi di gara, davvero forsennati. Brescia sta cercando il modo di venire a capo di un rebus che si dimostra complicatissimo da risolvere. Esposito sta cercando nuova energia dalla panchina, dando vita alle rotazioni con il chiaro obiettivo di invertire il trend di inizio gara. Dopo i primi 8′ di gioco, però, l’impronta che i montenegrini stanno dando al match è davvero profonda.

Inizio da dimenticare per la Germani Brescia, a secco in attacco e incapace di bloccare le folate degli avversari. L’11-0 con cui si apre la sfida dimostra che al Mornar Bar piace partire forte e le prime giocate del team montenegrino confermano questa tendenza. Sta alla Germani restare dentro il match, cercando di non far scappare l’avversario e riportando la gara al piano partita studiato alla vigilia, prontamente ricordato da coach Esposito con il primo time out della partita, arrivato dopo 2′ di gioco.

Kenny Chery, Andrew Crawford, David Moss, TJ Cline e Dusan Ristic: ecco il quintetto che coach Esposito si appresta a schierare sul parquet del Sportska dvorana Topolica di Antivari. Per quanto riguarda i padroni di casa del Mornar Bar, ecco i primi cinque della contesa: Derek Needham, Nemanja Vranjes, Aleksandar Lazic, Kenny Gabriel e Uros Lukovic.

Completata la prima fase del riscaldamento, i giocatori tra poco scenderanno sul parquet della Sportska dvorana Topolica per ultimare le operazioni in vista della palla a due. La Germani cerca il colpaccio sul campo del Mornar Bar senza poter contare sull’apporto di Tyler Kalinoski, rimasto in Italia a causa di un attacco influenzale. Toccherà ai suoi compagni di squadra sopperire alla sua assenza e provare a spuntarla al termine di una gara che, alla luce del talento della squadra avversaria, si preannuncia come una vera battaglia sportiva.

Seconda trasferta europea per la Germani Brescia, che torna in Montenegro per affrontare il Mornar Bar. Dopo la sconfitta maturata a Podgorica nella gara d’esordio e la vittoria casalinga ottenuta su Ulm al PalaLeonessa A2A, il team biancoblu cerca un blitz in trasferta che darebbe una vera svolta al cammino continentale.

Il compito, però, è tutt’altro che semplice: il roster del Mornar Bar, infatti, è ricco di talento ed esperienza e la squadra montenegrina ha già fatto vedere di essere in grado di battere chiunque, visto che qui ad Antivari è riuscita a battere nientemeno che l’Unicaja Malaga, senza dubbio la squadra più attrezzata del Gruppo B.

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive