20 Ott 2020

Germani, l’asticella si alza ancora: Brescia a Malaga contro uno dei top team europei

Prosegue senza sosta il cammino della Germani Brescia, che dopo il successo ottenuto su Trieste accantona per qualche giorno il campionato di Serie A e torna a rituffarsi nel clima europeo della 7DAYS EuroCup, pronta a celebrare il quarto turno del girone di qualificazione.

La trasferta – la seconda consecutiva – che attende la squadra biancoblu è di quelle difficili e affascinanti al tempo stesso. Brescia, infatti, sarà di scena nel meraviglioso contesto del Martín Carpena di Malaga, impianto da oltre 11.000 posti nel quale gioca le proprie partite casalinghe l’Unicaja Malaga, senza dubbio la squadra più attrezzata del Gruppo B, quella in cui è inserita anche la Germani.

Contro una squadra che tre anni fa alzava al cielo l’EuroCup e che nel proprio palmarès vanta anche una vittoria nella Liga ACB e diversi titoli a livello nazionale, la Germani è chiamata a una prova superba per competere con il talentuoso talento degli andalusi e provare a tornare a casa con il secondo successo europeo, che aprirebbe scenari interessanti in vista della scalata verso le Top 16 di EuroCup.

Unicaja Malaga-Germani Brescia si gioca mercoledì 21 ottobre alle ore 20.45 al Palacio de Deportes José María Martín Carpena di Malaga (Spagna).

Nel processo che ha portato l’Unicaja Malaga a essere uno dei top team europei c’è il marchio di un allenatore bresciano, Sergio Scariolo. Sulla panchina degli spagnoli dal 2003 al 2008, l’attuale assistant coach dei Toronto Raptors e CT della Nazionale spagnola ha conquistato la Copa del Rey nel 2005 e il titolo nel 2006, arrivando a disputare anche la Final Four di EuroLeague nel 2007.

Dopo l’esperienza di Scariolo, terminata dopo cinque avvincenti stagioni, sulla panchina dell’Unicaja si sono alternati coach di grande valore e di grande esperienza, da Aíto García Reneses a Jasmin Repesa, passando per Joan Plaza, che ha tenuto il timone del club dal 2013 al 2018, portandolo alla conquista dell’EuroCup nell’aprile del 2017, battendo in finale i connazionali del Valencia.

Il tutto senza dimenticare gli allenatori che avevano preceduto l’arrivo del coach bresciano sulla panchina dell’Unicaja, tra i quali spicca senza dubbio il serbo Bozidar Maljkovic, rimasto sulla panchina del club andaluso per cinque stagioni.

A proposito di grandi allenatori, dal 2018 sulla panchina degli andalusi siede Luis Casimiro, un altro allenatore che nel suo piccolo ha fatto la storia del basket spagnolo. Nel 1998, infatti, il coach allenava il Manresa che fu capace di sorprendere tutti i grandi squadroni dell’ACB e di vincere lo scudetto.

Il titolo ottenuto con la squadra catalana non è l’unico trofeo che Casimiro è stato capace di mettere in bacheca: nel 2016, infatti, Casimiro conquistò la Copa del Rey alla guida di Gran Canaria, l’ultima squadra che ha allenato prima di trasferirsi all’Unicaja, dove era già stato nella parte finale della stagione 2011-2012 in sostituzione di Chus Mateo.

Al momento del sorteggio dei gironi della 7DAYS EuroCup è apparso evidente che l’Unicaja Malaga fosse la squadra più attrezzata del Gruppo B, quello in cui è inserita anche la Germani Brescia.

Al di là del valore del roster degli spagnoli, va considerato anche il loro cammino nell’edizione dello scorso anno. L’Unicaja, infatti, aveva dominato il girone di qualificazione, ottenendo 7 vittorie in 10 partite, e aveva chiuso al primo posto anche il raggruppamento delle Top 16, con 4 successi in 6 partite. Con il tabellone allineato ai quarti di finale, dunque, Malaga si presentava come una delle favorite alla conquista di quel titolo che fu in grado di conquistare nel 2016, al termine di un cammino altrettanto esaltante.

Con due successi nelle prime tre gare, l’Unicaja sta rispettando i pronostici, anche se gli andalusi stanno facendo più fatica rispetto a quanto poteva essere previsto. Più che un ridimensionamento del valore degli spagnoli, però, la sconfitta in trasferta contro il Mornar Bar e la vittoria sofferta maturata in casa contro il Buducnost testimoniano l’alto valore delle due squadre montenegrine, che al momento condividono con l’Unicaja la palma di favorito del girone.

Se Atene piange, Sparta non ride: la Germani Brescia che si presenterà a Malaga sarà priva di due pedine importanti, Tyler Kalinoski e TJ Cline. Coach Vincenzo Esposito, dunque, utilizzerà le stesse rotazioni della partita di campionato con Trieste, nella quale la squadra ha dato comunque risposte importanti.

Anche Malaga, comunque, sarà alle prese con delle assenze importanti, così come avvenuto nelle ultime partite. Questo, però, non ha inficiato il rendimento della squadra, che è reduce da tre vittorie consecutive: contro Valencia e Gran Canaria in ACB, contro il Buducnost in EuroCup.

Sono stati tre i giocatori del roster dei verdi che coach Casimiro non ha utilizzato nella trasferta a Las Palmas: Jaime Fernandez, Dragan Milosavljevic e Gal Mekel, vecchia conoscenza del nostro campionato, che ha giocato una parte della scorsa stagione a Reggio Emilia.

“Quella di Malaga si preannuncia come una partita molto dura, come tutte quelle dell’EuroCup, dato l’alto livello della competizione e il poco tempo a disposizione per prepararle – spiega coach Vincenzo Esposito -. Ci arriviamo con un roster ridotto per problemi di Covid e di infortuni, ma credo che siamo riusciti a prepararla abbastanza bene”.

“L’Unicaja è una squadra energica, giovane, coperta in tutti i ruoli, costruita per arrivare nelle prime 8 a livello continentale – prosegue lallenatore della Germani -. Per di più, è reduce da tre vittorie consecutive tra campionato ed EuroCup. Ha molto talento negli esterni e grossa solidità a livello di lunghi: anche per questo dovremo cercare di controllare il ritmo della partita ed evitare dare spazio al loro gioco in velocità. Dovremo essere capaci di giocare a un ritmo controllato, gestendo i rimbalzi e limitando il numero di possessi per evitare di esporci al loro tiro da tre e alle loro sfuriate in contropiede”.

“In EuroCup, ogni partita giocata fuori casa può avere un valore doppio in caso di risultato positivo – conclude Esposito -. In ogni caso, la nostra preoccupazione maggiore è quella di continuare a crescere dal punto di vista tecnico, dando seguito a quanto di buono si è visto contro Trieste, e concedere minuti a tutti per evitare di buttare via troppe energie, rischiando di pagare dazio nella partita successiva”.

La partita tra Unicaja Malaga e Germani Brescia sarà diretta da Christos Christodoulou (Grecia), Milan Nedovic (Slovenia) e Huseyin Celik (Turchia).

La sfida contro la squadra andalusa sarà visibile in streaming su Eurosport Player, che detiene i diritti per la trasmissione in Italia di tutte le partite della 7DAYS EuroCup. Sul sito di Pallacanestro Brescia si potrà seguire come di consueto l’andamento della gara nel consueto Live Blog.

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive