11 Apr 2021

Brescia lotta fino al 40′ ma Venezia resta amara ancora una volta

È il racconto di un’altra serata amara per la Germani Brescia, che al Taliercio di Mestre incassa la quinta sconfitta consecutiva e non riesce a interrompere la propria striscia di risultati negativi. Termina 94-87 la sfida in casa dell’Umana Reyer Venezia, squadra attrezzata e di talento, nella quale il team lombardo si ritrova in costante e continua rincorsa dell’avversaria senza riuscire a raddrizzare pienamente una partita condizionata da un punteggio altissimo e da percentuali particolarmente alte nel tiro dalla lunga distanza.

Brescia non molla mai, arrivando a un passo dal recuperare pienamente il -14 maturato all’intervallo, ma sul più bello i giocatori della Germani, guidati da un ottimo Jeremiah Wilson (21 punti e 4 rimbalzi) e da un Luca Vitali da 12 punti e 4 assist, non riescono a piazzare la zampata finale, cedendo i due punti in palio ai talentuosi avversari, pronti a dare il meglio di sé nella fase più calda della stagione, quella dei playoff.

Brescia, invece, ha poco tempo per metabolizzare la sconfitta: nel turno infrasettimanale di mercoledì sera, infatti, la squadra di coach Buscaglia ospiterà l’Acqua S.Bernardo Cantù in una gara thrilling che bisognerà portare a casa a tutti i costi.

Il parquet del Taliercio regala un avvio di gara in equilibrio e a ritmi esplosivi: senza riserve, le due squadre si danno battaglia preannunciando quella che si prospetta una gara dall’esito tutt’altro che scritto. A chiudere il primo quarto in vantaggio, seppur di misura, è Venezia: la squadra veneta mette il naso avanti sul 28-27, marcando poi un solco più netto nel secondo periodo, forte di impeccabili percentuali al tiro dall’arco, sul punteggio di 60-46.

Il rientro in campo al ritorno dalla pausa lunga è faticoso per Brescia, che in più occasioni non riesce a capitalizzare a proprio favore situazioni offensive potenzialmente efficaci. In ritardo di diverse lunghezze per gran parte del periodo, sul finale la scintilla bresciana prova a riaccendersi: con uno slancio di energia, la squadra di coach Buscaglia rosicchia il divario creato dalla Reyer e chiude al 30′ sul -7. Negli ultimi 10′ ci si gioca tutto: con il match ancora in bilico, la Germani rimane viva e combatte, ma l’impresa della rimonta non va a buon fine e il successo è destinato ai padroni di casa, autori della zampata finale e decisiva.

UMANA REYER VENEZIA-GERMANI BRESCIA 94-87 (28-27, 60-46, 70-63)
Umana Reyer Venezia: Casarin 5 (1/2, 1/1), Stone 6 (2/3 da tre), Tonut 17 (1/3, 3/6), Daye 15 (1/2, 3/4), De Nicolao 5 (1/2 da tre), Campogrande ne, Vidmar 1, Clark, Chappell 15 (3/5, 3/6), Mazzola, Cerella, Watt 30 (9/13). All: De Raffaele
Germani Brescia: Bertini ne, Vitali 12 (2/4, 1/1), Parrillo, Chery 10 (4/4, 0/3), Bortolani 2 (1/2, 0/1), Wilson 21 (3/4, 4/5), Willis 7 (1/4, 1/1), Crawford 8 (3/6), Burns 7 (3/7, 0/2), Kalinoski 11 (1/3, 2/6), Moss 2 (1/2, 0/2), Sacchetti 7 (1/1, 1/2). All: Buscaglia
Arbitri: Vicino, Borgo e Valzan
Note: Tiri da due: Venezia 15/26 (58%), Brescia 20/37 (54%); Tiri da tre: Venezia 13/237(48%), Brescia 9/23 (39%), Tiri liberi: Venezia 25/31 (81%), Brescia 20/26 (77%); Rimbalzi: Venezia 28 (24 RD, 4 RO), Brescia 32 (23 RD, 9 RO)

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive