14 Apr 2021

Brescia non si rialza con Cantù, la Germani è chiamata a lottare fino alla fine

Un vento freddo soffia sulla notte del PalaLeonessa A2A: la gara casalinga con Cantù poteva essere la serata della tranquillità e invece diventa un altro capitolo di una stagione che evidentemente è destinata a essere irta di difficoltà dalla prima all’ultima giornata.

La Germani Brescia beve il calice amaro per la sesta volta consecutiva e non riesce ad abbandonare la parte più vischiosa della classifica. Questo, però, è il tempo di conservare il sangue freddo e tenere la barra dritta, pensando a un solo obiettivo: quello di raddrizzare la barca e tirarla fuori dalla tempesta.

Non ci deve essere nient’altro nella mente dei giocatori biancoblu, chiamati a capitalizzare meglio le occasioni che gli si presentano (sono 28 i tiri in più per la Germani rispetto agli avversari) senza farsi condizionare dalla posta in palio, che si fa più pesante con l’avvicinarsi della fine della regular season.

A tirare un sospiro di sollievo, invece, è l’Acqua S.Bernardo Cantù, che passa al PalaLeonessa A2A (69-74) e lascia alla Germani gli interrogativi sul perché in determinati e specifici momenti della partita la luce si spenga all’improvviso, senza riuscire a capitalizzare il flusso positivo, visto questa sera nel secondo quarto e, per brevi tratti, all’inizio del quarto periodo.

Il tutto grazie alla partita a tutto tondo di Luca Vitali, autore di 14 punti e 7 assist, che tuttavia non bastano alla causa biancoblu per mettere le mani su un risultato positivo che avrebbe rappresentato una vera e propria boccata d’ossigeno.

La partenza è in salita per la Germani che, pronti via, incassa un parziale di 7-0. Rientrata in partita, Brescia fatica per gran parte del periodo in fase offensiva, smarrendo in più occasioni la via del canestro e concedendo così a Cantù di allungare sul +6 dopo la prima frazione di gioco (18-24).

La scossa agognata finalmente arriva: con 5′ di energia, Brescia smuove il tabellone e trova la spinta per mettere la freccia del sorpasso, chiudendo il primo tempo con quattro lunghezze di vantaggio (42-38).

Al ritorno sul parquet, tornano anche le difficoltà e gli spettri del solito blackout che da tempo macchia il terzo quarto della Germani. Con un parziale mortifero di 19-8, l’Acqua S.Bernardo ricaccia indietro gli uomini di Maurizio Buscaglia e, al 30′, conduce la gara sul 57-50.

In avvio di ultimo quarto è Brescia, stavolta, a piazzare un contro break di 6-0: di nuovo, Cantù ribatte ai tentativi di fuga bresciani e passo dopo passo prova a concretizzare un altro sorpasso che profuma sempre più di vittoria. E proprio questo è l’amarissimo epilogo che pesa sulle spalle della Germani, costretta a incassare la sesta sconfitta consecutiva e alla ricerca disperata di una vittoria nelle prossime e ultime tre uscite di regular season.

GERMANI BRESCIA-ACQUA S.BERNARDO CANTÙ 69-74 (18-24, 42-38, 50-57)
Germani Brescia: Bertini ne, Vitali 14 (4/7, 2/6), Parrillo ne, Chery 9 (3/7, 1/3), Bortolani 4 (1/1, 0/2), Wilson 2 (1/3, 0/1), Willis 2 (1/7), Crawford 9 (3/8, 0/1), Burns 9 (3/8), Kalinoski 10 (0/2, 3/9), Moss 2 (1/4, 0/2), Sacchetti 8 (2/3, 0/3). All: Buscaglia
Acqua S.Bernardo Cantù: Gaines 28 (7/9, 4/7), Thomas, Smith 19 (5/6, 2/4), Procida 3 (0/1, 1/1), Leunen 7 (0/2, 1/2), La Torre ne, Lanzi ne, Johnson, Bayehe 6 (2/7), Baparapè ne, Pecchia 11 (4/6), Radic. All: Bucchi
Arbitri: Rossi, Di Francesco e Perciavalle
Note: Tiri da due: Brescia 19/50 (38%), Cantù 18/35 (51%); Tiri da tre: Brescia 6/27(22%), Cantù 8/14 (57%), Tiri liberi: Brescia 13/14 (93%), Cantù 14/22 (64%); Rimbalzi: Brescia 40 (22 RD, 18 RO), Cantù 35 (33 RD, 2 RO)

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive