17 Apr 2021

Oltre la paura e il valore della Dinamo: avanti Germani, è ora di tornare al successo!

‘Se cerchi una mano che ti aiuti nel momento del bisogno, la trovi alla fine del tuo braccio’. Cinquecento anni prima della nascita di Cristo, il celebre filosofo cinese Confucio indicò la strada migliore per chi si trova in difficoltà e cerca una soluzione ai propri problemi: guardare dentro se stessi e trovare la forza di reagire. Non ce ne vogliano coloro che seguono gli insegnamenti del maestro cinese se usiamo una sua massima per spiegare il momento della Germani Brescia, reduce da sei sconfitte consecutive e chiamata a dare una significativa scossa alla propria stagione sportiva.

La sconfitta casalinga maturata mercoledì scorso contro Cantù ha messo la formazione biancoblu con le spalle al muro e la necessità di reagire, invertire la tendenza e tornare a muovere la classifica. Considerata l’assenza forzata dei propri tifosi, che sarebbero stati linfa vitale per ingranare una marcia in più, per riuscire a farlo il quintetto di Maurizio Buscaglia dovrà essere più forte della sorte avversa (vedi l’infortunio che terrà fuori dal campo Luca Vitali, uno dei giocatori più in forma del momento), delle proprie paure e dei propri limiti tecnici.

Contro il Banco di Sardegna Sassari – non proprio uno degli avversari più agevoli da affrontare -, la Germani dovrà mostrare un cuore da leonessa, ma anche usare la concentrazione e la testa per sfruttare i punti deboli degli avversari e non farsi portare sul loro terreno preferito nel corso di una partita che si preannuncia ricca di interessanti spunti tecnici.

Germani Brescia-Banco di Sardegna Sassari, lunch match della 28/ma giornata del campionato di Serie A, si gioca domenica 18 aprile alle ore 12.00 al PalaLeonessa A2A. La gara sarà disputata a porte chiuse.

Per chi è abituato a usare il fioretto, trovarsi in una competizione di lotta libera è tutt’altro che agevole. Partita con idee e piani completamente diversi, a tre giornate dalla fine della regular season la Germani si trova a dover lottare per la salvezza, un obiettivo che presuppone una mentalità e un atteggiamento diversi rispetto a quelli utilizzati per competere per altri traguardi.

Intendiamoci, la voglia di vincere è sempre la stessa e la pallacanestro resta un gioco legato alla tecnica e al valore dei giocatori che la praticano. La voglia, l’energia e il più classico del coltello tra i denti, però, possono fare la differenza quando tecnicamente ci si scontra con degli ostacoli che al momento appaiono invalicabili.

Innanzitutto, dunque, Brescia dovrà mostrare la voglia di non rassegnarsi a quel destino beffardo che accompagna stagioni che nascono con grandi aspettative e, con il passare del tempo, diventano storte. La Germani sa che il destino è nelle sue mani: lo era anche nelle settimane precedenti, lo è ancora oggi che le cose sembrano molto più ingarbugliate e l’obiettivo minino della permanenza in Serie A decisamente più lontano.

La partita di mercoledì scorso persa con Cantù è la dimostrazione di quanto sia complicato girare pagina di fronte a una striscia di sconfitte così lunga, arrivata proprio nel momento in cui sarebbe stato necessario e opportuno raccogliere i frutti migliori dei proprio lavoro.

Tornare a muovere la classifica e riaccendere la spia dell’entusiasmo è qualcosa che la Germani deve innanzitutto a se stessa, e poi ai propri tifosi, che in questi giorni non hanno mai fatto mancare la vicinanza alla propria squadra del cuore.

Orgoglio, voglia ed energia spesso appaiono come parole abusate. La verità, invece, è che mai come oggi per la Germani è necessario trovare queste caratteristiche nel proprio serbatoio. Ancora prima che dal punto di vista tecnico e tattico, la partita con Sassari deve essere affrontata dal punto di vista emotivo, cancellando le paure e ritrovando entusiasmo.

Per Brescia questa è sempre stata la via maestra per ritagliarsi un posto nel grande libro del basket italiano: la Germani ha ancora tante altre pagine da continuare a scrivere in futuro, ma per riuscire a farlo dovrà dimostrare di meritarselo, mostrando in campo il meglio di sé.

Con 28 punti in classifica e due partite da recuperare, il Banco di Sardegna Sassari ha già conquistato un posto nei playoff e si appresta a disputare la postseason con il ruolo di underdog, che peraltro sull’isola è una condizione che non dispiace più di tanto.

Nel 2015, infatti, la Dinamo fu capace di conquistare il suo unico scudetto partendo proprio dalla quinta posizione e divertendosi a sovvertire pronostici fino alla conquista del titolo, arrivato al termine di una cavalcata lunga e appassionante.

La stagione in corso è stata complessa anche per il quintetto biancoazzurro, che recentemente ha dovuto fare i conti con un focolaio di Covid, che ne ha arrestato il processo di crescita e, soprattutto, ne ha condizionato molto il cammino europeo. Sassari, dunque, approfitterà degli ultimi turni della regular season per recuperare la forma ideale e presentarsi al meglio alla partenza dei playoff, nei quali intende essere protagonista così come lo è stata nelle ultime stagioni.

I precedenti con la Dinamo Sassari non sono particolarmente felici per la Germani Brescia. Dopo aver ottenuto il successo nel primo anno trascorso in Serie A, la formazione biancoblu è stata costretta a ingoiare bocconi amarissimi nelle due stagioni successive.

Nel dicembre del 2017, la Dinamo fu capace di espugnare il PalaGeorge e di mettere fine alla striscia di nove vittorie consecutive che Brescia era stata capace di collezionare all’inizio della stagione. Nel dicembre del 2018, invece, il Banco di Sardegna banchettò su una Germani in profonda crisi, che chiuse l’anno con un ventello sul groppone davvero difficile da digerire.

Lo scorso anno, invece, il match del PalaLeonessa A2A tra lombardi e sardi non fu disputato, complice la fine anticipata del campionato.

La sfida tra Germani Brescia e Banco di Sardegna Sassari sarà diretta da Mark Bartoli di Trieste, Fabrizio Paglialunga di Massafra (TA) e Dario Morelli di Brindisi.

Il lunch match della 28/ma giornata sarà visibile in diretta streaming su Eurosport Player, la radiocronaca della gara sarà sulle frequenze di Radio Bresciasette.

Come di consueto, sarà possibile seguire la radiocronaca web della sfida sulla pagina Facebook ufficiale di Pallacanestro Brescia.

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive