15 Mag 2022

Magro: “Germani, goditi i playoff! Con Sassari serie lunga e difficile”

Playoff, ci siamo! Alla vigilia di gara 1 della serie dei quarti di finale con il Banco di Sardegna Sassari, tocca ad Alessandro Magro, coach della Germani Brescia, presentare i temi di una sfida che appare assolutamente equilibrata, nella quale il quintetto bresciano proverà a replicare quanto di buono ha fatto durante una regular season indimenticabile.

“Finalmente ci siamo! – esordisce il coach della Germani -. Grazie alla nostra incredibile cavalcata, ci siamo guadagnati la possibilità di giocare le ultime partite senza una posta in palio importante e questo forse ci ha tolto un po’ di quell’aggressività o di quel focus a livello mentale che c’era servita per produrre quella larga serie di vittorie. Quell’esigenza e quell’intensità che ho felicemente ritrovato questa settimana. La squadra aspettava da tanto questo momento, abbiamo avuto tanti giorni per prepararci, per certi versi anche troppi. Non vedevamo l’ora di arrivare alla partita, abbiamo cercato di sviscerare tutti i temi tecnici e tattici di questa serie”.

“Inizia un altro campionato, si riparte da zero, anche se avere il vantaggio del campo in questa serie è importante – prosegue Magro -. Come sarà difficile andare ad affrontare Sassari al PalaSerradimigni, per loro sarà difficile giocare al PalaLeonessa A2A. Mi aspetto una grande spinta da parte del nostro pubblico, credo che i miei ragazzi si siano meritati il supporto caloroso dei nostri tifosi”.

“Inizia un altro campionato, ma le 30 partite della regular season non vanno cancellate – afferma l’allenatore toscano -. Quelle 30 partite rappresentano il nostro percorso, la nostra esperienza. Caratteristiche da cui ripartire, così come dal livello della nostra pallacanestro che ci ha permesso di iniziare i playoff al terzo posto. Anche nei playoff avremo un approccio umile, ma con la consapevolezza che ci ha dato tutto il percorso che abbiamo fatto finora”.

Per coach Magro l’avversario della Germani sarà assolutamente temibile: “Sassari è una squadra in forma, almeno quanto noi. Il fatto che loro abbiano giocato le ultime gare con una importante posta in palio gli ha permesso di essere sul pezzo. Nel tempo hanno trovato una quadratura del cerchio quasi perfetta: hanno fatto delle scelte all’inizio dell’anno, prendendo dei rischi, le cose non sono andate benissimo, ma hanno raddrizzato la stagione in maniera quasi perfetta.

“Hanno puntato su un allenatore di esperienza come Bucchi, che ha portato con sé un giocatore che conosceva bene come Robinson – prosegue Magro -. Hanno riportato in Sardegna due ottimi giocatori come Kruslin e Bilan, che ha dato alla squadra una dimensione che prima non aveva. Un top player, che si aggiunge a Logan e Benzius, autore di una stagione incredibile, soprattutto da quando è arrivato il centro croato. La Dinamo è una squadra temibile, dovremo approcciare la partita difensivamente con toni di intensità importanti. Loro sanno far male in tanti modi: hanno il secondo miglior attacco del campionato, distribuiscono 20 assist di media a partita e sono la squadra più performante nel tiro da 3 punti”.

Per Magro è importante che la squadra si goda il cammino dei playoff: “Noi siamo forti di una regular season importante, loro un finale di stagione brillante. Siamo consapevoli che la serie sarà difficile, complicata e lunga, dobbiamo pensare partita dopo partita. Entrare nella serie sarà la cosa più difficile, approcciare gara 1 con l’apporto del nostro pubblico sarà importantissimo. Dobbiamo continuare a fare quello che abbiamo fatto per tutto l’anno, passarci la palla e divertirci, con lo stesso entusiasmo che abbiamo avuto durante l’anno, sia in campo che in panchina”.

“La prima partita non decide la serie, ma entrare nella serie nel migliore dei modi è importante – prosegue il coach di Pallacanestro Brescia -. Questa è stata l’ultima settimana nella quale la squadra si è allenata, ora raccoglieremo quello che abbiamo seminato. È normale che tra una partita e l’altra ci possano essere degli aggiustamenti tattici, ma la cosa che mi far stare tranquillo è come si è allenata la squadra nell’ultima settimana. La squadra è serena, motivata, pronta, impaziente di alzare la palla a due. I miei giocatori vogliono giocare e competere. Nei playoff c’è un livello diverso, il pallone pesa un po’ di più e ogni possesso assume un valore diverso. Non dobbiamo vivere la cosa con isteria, ma continuare a fare quello che abbiamo fatto durante tutta la stagione, senza snaturarci”.

“Anche giocare ogni 48 ore farà la differenza, perché durante la stagione non l’abbiamo mai fatto – conclude Magro -. In partite come questa, è importante l’esperienza di chi ha giocato questo tipo di gare, non solo a livello di allenatori. La scelta sul giocatore da mandare in tribuna? La faremo domani, ma questo tipo di scelte non è né una promozione né una bocciatura. Siamo una squadra con uno straniero in più, nella quale tutti sono pronti a dare il proprio contributo. Se saremo bravi, le partite da giocare saranno tante”.

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive