17 Set 2022

La Virtus scappa, la rincorsa di Brescia non porta al sorpasso: Lucca non regala gioie alla Germani

Il Trofeo Carlo Lovari di Lucca non regala soddisfazioni alla Germani Brescia, sconfitta nella finale per il 3/4 posto dalla Virtus Segafredo Bologna (87-80) al termine di una gara condotta dagli emiliani sin dalla palla a due, ma che i biancoblu hanno provato a riaprire in tutti i modi, arrivandoci davvero molto vicini. Come avvenuto nella gara di ieri con Venezia, alla Germani resta il merito di non rassegnarsi mai ai break inflitti dai bianconeri, anche se alla fine il guizzo per mettere il naso avanti nel punteggio non arriva. E forse a una squadra priva di Moss, Petrucelli, Burns, Viglianisi, Laquintana e Akele (gli ultimi due out per motivi meramente precauzionali) non poteva essere chiesto di più.

Inizio shock per la Germani, con la Virtus capace di innestare subito le marce alte e di prendere in mano le redini del match. Il parziale di 12-0 con cui si apre il match non lascia dubbi sulla squadra capace di lasciare la prima impronta al match, come dimostrato dai 31 punti messi a referto alla fine del primo quarto dai vicecampioni d’Italia, ai quali il solo Della Valle (12 punti nei primi 10′) riesce a opporsi in maniera efficace.

La reazione bresciana non si fa attendere: Della Valle (chiuderà con 31 punti a referto) continua a martellare il canestro con decisione, i suoi compagni di squadra stringono le maglie in difesa e impediscono all’ondata bianconera di abbattersi con la veemenza del primo periodo. Ne scaturisce una gara equilibrata, nella quale la Germani inizia lentamente ma inesorabilmente a rosicchiare il vantaggio accumulato dagli avversari, toccando il -5. Il finale di periodo, però, è a tinte bianconere, certificato dalla tremenda tripla di Belinelli sulla sirena: buona la reazione dei biancoblu, specialmente in attacco, ma i 57 punti concessi agli avversari sono davvero troppi per sperare di uscirne senza danni.

Il botta e risposta tra le due squadre nel terzo periodo favorisce le V nere, che gestiscono il vantaggio accumulato nei primi 20′. Brescia riesce a limitare l’attacco avversario, fermo a quota 16 punti, ma la produzione offensiva della Germani è identica a quella degli emiliani, che alla penultima sirena continuano a gestire 13 lunghezze di vantaggio. Diversa, invece, la musica all’inizio dell’ultimo quarto: partita con i giovanissimi in campo, Brescia cambia marcia, ritrovando convinzione e canestri. I biancoblu arrivano fino al -4 (78-82), dando l’illusione di poter ribaltare l’esito del match, senza però riuscirci.

“Torniamo a casa con due sconfitte, che è una cosa che non fa mai piacere, ma anche con tantissimi spunti anche positivi dai quali ripartire – il commento di coach Alessandro Magro a fine gara -. Abbiamo sperimentato molto, giocando anche con i due centri insieme, una cosa che ha pagato moltissimo. Era una partita in cui avevamo rotazioni ridotte e forzate, ma nonostante questo abbiamo avuto qualità e la capacità di rientrare sempre quando la Virtus provava a dare le proprie spallate alla partita. Sono curioso all’idea di avere la squadra al completo, per il momento mi interessa vedere le scintille che i giocatori hanno negli occhi: la nostra è una squadra in cui i giocatori sono disposti a sacrificarsi, a giocare insieme, e queste sono tutte indicazioni utili. Infine, voglio fare una menzione partite ai ragazzi, specialmente a Tanfoglio, che ha giocato 17′ di lucidità e qualità, soprattutto difensiva”.

GERMANI BRESCIA-VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA 80-87 (19-31, 44-57, 60-73)
Germani Brescia: Gabriel (0/1, 0/8), Tanfoglio 3 (0/1, 1/1), Massinburg 8 (2/7, 1/3), Ghidini (0/2), Della Valle 31 (3/6, 6/8), Caupain 7 (0/4, 1/3), Cobbins 1 (0/1), Odiase 21 (8/8), Cournooh 9 (1/3, 2/4), Santi ne. All: Magro
Virtus Segafredo Bologna: Cordinier 14 (3/4, 2/4), Belinelli 11 (1/1, 3/3), Bako 6 (3/5, 0/1), Ruzzier 2 (1/4), Jaiteh 4 (1/4), Faldini ne, Lundberg 23 (3/4, 5/7), Menalo 2 (0/1 da tre), Mickey 9 (4/6, 0/4), Camara, Weems 8 (1/3, 2/2), Ojeleye 8 (1/4, 1/3). All: Diana
Arbitri: Grigioni, Galasso e Marziali
Note: Tiri da due: Brescia 14/33 (42%), Bologna 18/35 (51%); Tiri da tre: Brescia 11/27 (41%), Bologna 12/27 (44%); Tiri liberi: Brescia 19/25 (76%), Bologna 15/22 (68%); Rimbalzi: Brescia 36 (RD 24, RO 12), Bologna 36 (RD 24, RO 12)

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive